fbpx

La Tradizione della Quarta Via di Gurdjieff

L’uomo è una macchina: tutto ciò che fa, tutte le sue parole, convinzioni, opinioni, abitudini sono i risultati di influenze e impressioni esterne.

Per fare, bisogna essere.

Gurdjieff

L’evoluzione e la crescita personale, in particolare in questo momento storico, non possono più essere considerate un’opzione… si tratta di un dovere verso se stessi e, di conseguenza, verso gli altri.

Solo così, potremo essere padroni della carrozza in cui siamo (per usare la famosa metafora di Gurdjieff) e decidere la direzione della nostra vita.

Ma per attuare ogni percorso di evoluzione, occorrono degli strumenti.

Quello che proponiamo è il percorso conosciuto come la Tradizione della Quarta Via, rivelato al mondo occidentale proprio da G.I. Gurdjeff: un’esperienza di vita, una pratica che conduce al cambiamento non solo di prospettive, ma soprattutto di azioni e reazioni governate dalla nostra Volontà e non da semplici stimoli esteriori.

Il programma completo

LA QUARTA V.I.A.

Un pecorso esperienziale per l’evoluzione interiore, sulle orme dell’insegnamento pratico di Gurdjeff.

Il corso prevede 12 incontri online4 giornate in presenza.

Gli incontri online sono divisi in 4 cicli da 3 webinar; alla fine di ciascun ciclo, si terrà il relativo incontro in presenza.

In ogni webinar verranno trattati 3 argomenti principali e verranno assegnati 3 esercizi da eseguire tra un webinar e l’altro.

GUARDA TUTTE LE INFO

Primo ciclo
Lavoro preliminare sul simbolo V.I.A.

  1. Meccanicità, sonno e illusione di poter fare; Usare differenti livelli di “intelligenza”; Il linguaggio simbolico: costruzione e riempimento del simbolo di base. Esercizi: Osservare e visualizzare il simbolo in 4 passi; Cercare all’esterno i componenti del simbolo; Abbinare Volontà, Immaginazione e Azione ai componenti.
  2. Lavoro sbagliato nei “centri”; Centri superiori e condizioni per attivarli; La carrozza. Esercizi: Riconoscere i 3 centri e abbinarli ai componenti del simbolo; Osservare i centri in attività e dire “questo è… ; Osservare ed evitare gli sprechi nei centri.
  3. I 4 stati di coscienza; Molteplici “io”, casa e maggiordomo; Linguaggio appropriato. Esercizi: Abbinare sonno, veglia e coscienza ai componenti del simbolo; Verificare meccanicità e volontarietà nei centri; Procurarsi energia con simbolo e respirazione.

Prima giornata in presenza: Esercizio di connessione; Verifica e aggiustamenti; Approfondimento di argomenti essenziali; Pratica  (parte preponderante); Domande e discussione; Prescrizione dei 3 esercizi a casa; Esercizio di Riconnessione “P.A.G.A.” (Pace, Amore, Gratitudine, Aiuto).

(Questo scherma operativo si ripeterà anche nelle successive giornate in presenza).

Secondo ciclo
Inizio del “Lavoro”

  1. Auto-osservazione sui “6”: Mentire e Parlare inutilmente; Inserimento nel triangolo; Distaccarsi per osservare. Esercizi: Osservare i “2” quando avvengono; Opporgli resistenza; Bloccarli “come se” fossero di altri.
  2. Espressione di emozioni negative e Considerare interiore; Inserimento nel cerchio; Approfondimento sul “come se”. Esercizi: Osservare i “2” quando avvengono; Opporgli resistenza; Bloccarli con “stretta polpastrelli” e “considerazione esteriore”.
  3. Identificarsi e Fantasticare; Inserimento nel punto; Ritorno del “Padrone”. Esercizi: Osservare quando i “2” avvengono; Opporgli resistenza; “Uscire dal ruolo” e “fantasticare su obiettivo”.

Seconda giornata in presenza

Terzo ciclo
Legge del 3 e del 7; Gli Shock addizionali

  1. Fare e arrivare; La Legge del 3; Inserimento della Legge nel simbolo. Esercizi: Osservare cosa “spinge” a fare nei centri (prima forza); Osservare cosa “resiste” al fare (seconda forza); Verificare casi di terza forza.
  2. Legge del 7 (l’ottava); Aggiunta del cerchio esteriore al simbolo (rinvio alla giornata in presenza); Shock addizionali (rinvio al webinar successivo). Esercizi: Verificare in sé, nel passato, casi di “deviazione delle vibrazioni”; Osservarli e ricordarli negli altri; Darsi piccolo obiettivo e farlo proseguire fino al primo intervallo.
  3. Primo Shock: il Ricordo di sé; Doppia attenzione; Ricordarsi di Ricordarsi di sé. Esercizi: “Io sono un centro di… ( col simbolo e il respiro); “Io sto (facendo, provando, pensando); Applicare il Ricordo di sé.

Terza giornata in presenza

Quarto ciclo
Energia, volontà, cambiamento

  1. Secondo shock: trasformare emozioni negative in positive; Sforzo ed energia; Esempio del “ridere di sé”. Esercizi: Ridere di sé quando si manifesta uno dei “6”; Quando si manifesta, usare energia dell’emozione positiva per compiere attività che implichi movimento; Quando si manifesta emozione negativa, usare la sua energia per pensare e visualizzare le tappe del proprio obiettivo evolutivo.
  2. Energia e volontà; Accumulatori (rinvio a giornata in presenza); Sforzo e “Supersforzo”. Esercizi: Osservare e utilizzare sbadiglio e riso per ricaricarsi e scaricare; Fare ogni giorno un “supersforzo” in ogni centro; Allenarsi al “voglio e faccio immediatamente”.
  3. Cambiamento: Lavoro simultaneo sui centri; Cambiare mentalità, emozionalità e fisicità (collegandole al Lavoro); Rinunciare alla “sofferenza inutile”. Esercizi: Raccogliere energia nelle mani alla base del triangolo; Pronunciare, portando le mani ai centri, “sono rilassato…calmo…e sereno”; Visualizzare pensieri, emozioni e azioni nuove collegate al lavoro.

Quarta giornata in presenza

GUARDA TUTTE LE INFO